Posts contrassegnato dai tag ‘lupo dagli occhi rossi’

Ventre fiero e selvaggio

Pubblicato: 13 febbraio 2011 da The Cats Will Know in scrivere
Tag:

Ventre fiero e selvaggio

donna di cui mi innamoro

segreto mio che ancora ignoro

ogni Tempo ha il tuo volto,

ogni Vento il tuo nome.

 

Ventre fiero e selvaggio

donna d'argilla e sangue

quando la notte è sconfitta

sei luce calda in cui non riposo

tu mi sei tana, custode e amante.

 

L'alba cancella i sogni e profumi

la luce ti fa fantasma di desiderio:

ed io, a me stesso straniero,

del tuo ventre fiero e selvaggio

serbo l'amore come un miraggio.

 

Annunci

Quando nel mare della tua memoria

tempo giunge che muore la Parola

e ogni passo è un brancolare verso nessun dove,

 

infine l’esitato istante della Redenzione

è arrivato, senza squilli di tromba,

senza vuvuzelas: sembra la sera

giorno, giorno sembra

una sera impassibile, lontana, eterna.

 

Che breve è quell’attimo, e quanto dura!

 

Al risveglio tradito

brillano occhi scuri

nel fiume dell’addio.

———–Quando la fonte dell’alba si biforcò a Y-

Pubblicato: 11 marzo 2007 da The Cats Will Know in scrittura
Tag:

Ricordo distintamente lo stupore
°
: dei preti, concubine thailandesi vezzosamente distese nei letti-;
°
dei mangiapreti, fiato ceres doppio malto in sfondo di verruca-;
°
dei ragazzi trafelati, i condom per la scuola, ora terza, prof di Chimica Incestuosa-,
°
quando per atto inaudito, leggerezza o tedium vitae
il sole dell’alba disertò l’appello
ed io trattenni ogni canto, disorientato vagando
nell’ansia dei conigli
nei primi sbadigli
mandati a lutto del sonno, a fronte
del lutto vero che gravava in quel cielo latteo
prigioniero di un’assenza sospirata immaginaria.

(continua…)

…………………… Nuota nella fiamma

Pubblicato: 9 marzo 2007 da The Cats Will Know in scrittura
Tag:

Nuota nella fiamma

la tua anima

silente nella fiamma

 *

enuncia i doveri gli impegni poi

imbraccia il dolore

come un fucile scarico di sogni-

 *

nuota nella fiamma

è quel che ti serve

distendi le braccia

al vento accogliente

 *

congeda le emozioni e il giardino

cinereo degli amari

aromi-

  * 

nuota nella fiamma

come piuma ascesa dal calore,

principio e fine

non c’è più brezza non c’è più

respiro

 *

gettati nel fosso dei non nati

mentre premi il grilletto dell’Oblio

*********************L'Oracolo muto

Pubblicato: 4 marzo 2007 da The Cats Will Know in scrittura
Tag:,

No, non ti ho trattenuta più che il mare l’orma sulla riva, al cielo ho disteso le braccia e mi hai fuggito come una colomba stordita di troppa pena.

O iridescente, o mia ansia, mia gioia, non scuotere la testa ti prego, non contraddirmi, il tempo aveva segnato con fuoco indelebile la mia e la tua storia e per entrambi, dicevi, ammiccavano come fausto presagio le note di una nuova melodia;

ed io, serrando gli occhi ché non potessero vederti andar via, ho soffiato sulle tue ali perchè inesausta riprendessi il tuo volo, per sempre da me lontana, e certo niente sarebbe stato più come prima, un precoce falò avrebbe arso l’estasi di mille abbandoni e il gelo di rare indifferenze,

ma ecco, io ti ho liberata dal Tempo e il tuo spirito ora danza leggero lo spartito dell’eternità, mentre qui, in fronte a me, appeso al muro come un trofeo, il muto oracolo del tuo capo impagliato mi fissa laconico senza più tenerezza.

…………………..Quella melodia da te lontana

Pubblicato: 28 febbraio 2007 da The Cats Will Know in scrittura
Tag:

negra stella d’impaccio
negro amore di rànto-
lo, tu che mi travisi flauto
fra buchi ottusi e le consunte dita

ahi, all’alba
quando ancora c’è un’alba da cantare e poi
lontanami quando non sarò più strumento
improvvido ma rapace delle tue abusate forze-

forgiami lamento dalla canna disusata
e fammi nota triste di Giorno desolato-

io sono il suono, l’attimo
di un fa attimo trascorso, vita
di vita che ti esuberi

tu che mi scagli lontano morto
come morto è ciò abbracci
rinnegando incauto Inganno che ci ha sorto.

********************In(mutata)voca

Pubblicato: 26 febbraio 2007 da The Cats Will Know in scrittura
Tag:

Il Cuore e il Pugnale.

ma

prima che sorgesse il sole
l’alba s’incendiò:

fu così che riconobbi
la diaspora del Rosso