Vanesio

Pubblicato: 24 marzo 2013 da Salvatore Leone in Uncategorized

ad esibire la pelle
brevi mosse allo specchio
una mano sul fianco solleva il mento
riordina getti corvini
lecchi la fronte immobile

addolora vederti provato
animale giunto a far credere
ti sorprendo degno in una camicia
di seta, coltre selvaggia al petto
foglie di menta al vanto
delle tue fatiche

saresti un re
sguardo maniacale, fitte d’acciaio
tiranno addosso
mi riponi le perle al collo
in quel break silenzioso

è sano il disgusto delle parti
arrovento al pensiero
di una bestia ingenua

oh se Amore fosse incolto!

devoto come un mulo
ignori l’arcano
di solito non hai contegno.

GG.2013

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...