Preoccupazioni di un morto

Pubblicato: 3 febbraio 2013 da bonfre in Uncategorized

Sto  qui immobile

ed aspetto

aspetto inutilmente

visto che

sono già morto

 L’attesa è un po’ snervante

ma assolutamente

inevitabile

Muto nella cassa

vorrei aprire

un poco gli occhi

ma il cervello non risponde

non c’è palpito

alle vene

ed il sangue

è raggrumato

Chiuso dentro

al sonno eterno

con il corpo

verso l’alto

volto al cielo della bara

io che un tempo

per dormire

mi piegavo

su di un fianco

Si

dormire

è un po’ morire

ma

morire

per dormire

coricato a questo modo

è una cosa che mi scoccia

e mi rende assai nervoso

Non avrò l’eterna pace

Annunci
commenti
  1. O ha detto:

    Ho perso la lentina, l’ho persa nel trucco , ingannare il silenzio non è stata una buona idea. Si , ho perso la lentina e non riesco a distinguere del buio il sapere, la mia vista ridotta da scifo!.
    La Morte si avvicina, non la riconosco, mi chiede: “non conosci la tua fermata? non hai visto, la tua era quella precedente, perché non sei sceso?”
    “Ho perso la lentina -gli rispondo io-, non l’ho vista … Non mi dire che devo ripagare il biglietto … “
    “No ,io non sono il controllore, disse la morte, sarà sufficiente …”
    … non sentii l’ultima parola e gli chiesi di ripeterla . “Non vedere non è prerogativa di chi non sente, -mi disse- è solo un artificio virtuale per non essere riconosciuti, e tu speri di non esser visto per nascondere la colpa per non aver sentito…”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...