Piccolo animale con espressione

Pubblicato: 9 agosto 2012 da llmezzanottell in scrivere
Tag:, ,

Dategli un grido per l’insensatezza di una simile deriva nel senso fragile della grandezza, il grido in cui s’accendono i suoi occhi carbone. Rimirate il volto alla trasformazione, la dimensione doppia della lingua che accarezza e seduce,  che si rivolta accesa in un manicomio di lune e stelle e bacia crudeli supplizi . Egli è un sole che riscalda la sua stessa morte camminando senza rotta , la sorpresa carnale di una margherita nel canto di un romanzo perduto, il congedo dell’amore dall’ultima lacrima. E allora dategli un grido, un grido simile al fuoco , selvatica colomba bruna che non ha paura di morire, significato e senso di quell’ erratico e splendente cielo che lo affoga. Nell’oscurità chiusa in atti di malevolenza , una musica puntuta uccide farfalle in volo,  oro contro terra spinge la linea di fuga al lago di una serpe inafferrabile che sibila tra le ninfee. Immobile ed implacabile osserva il cristo azzurro.

– Ispirato al libro ” La ragazza dai capelli strani ” – di D. Foster Wallace

commenti
  1. O scrive:

    si sente l’ispirazione nella pressante necessità di rincorre e farsi rincorrere da immagini…stupendo il grido a ordinare e porre cadenza ritmica fino a confondersi in musica: …

  2. morfea scrive:

    piccolo grande scrigno il tuo parlare.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...