EX VOTO DELLO STRANGOLATO

Pubblicato: 19 luglio 2012 da FM in scrittura
Tag:

Austero come un campanile
con l’alterigia di chi è prevenuto –
ripicca di uno sgarbo giovanile –
rimase immobile a scrutare;
rivoltato e sospeso sull’altare
tra reliquie –  un coccodrillo
da corde forti trattenuto,
una specie di misero gingillo.

Guatava con occhio acuto,
la pancia rivolta alla navata,
finché non scorse un’anima
dall’aria assai ben conservata.

O metopa, spiega al coccodrillo
che il condannato al cappio robusto
per mill’anni viver può tranquillo:
Innocente t’imploro e Tu se’ presta;
quattro volte si frange il laccio ingiusto,
perché Tua man l’altrui fierezza arresta”.

[I manichini e il coccodrillo sono
nel Santuario delle Grazie di Curtatone]

*********

Annunci
commenti
  1. llmezzanottell ha detto:

    E’ molto bello scorgere qui una cura tecnica della forma che restituisce un’atmosfera di sospensione misterica antica. E’ così che anch’io concepisco uno scritto : struttura, estetica, e messaggio. La trovo molto ben fatta, particolare e suggestiva nel tema.

  2. tagli/e graffiti ha detto:

    Trovo sempre efficaci le rime per raccontare episodi come questo. Avrei ricercato con più precisione la musicalità, rimanendo sullo schema metrico della citazione finale. Forse hai voluto creare un contrasto sottile, che potrei intuire, ma non mettere bene a fuoco.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...