brussel

Pubblicato: 21 maggio 2012 da dylanstranger in Uncategorized

Seduta sul bordo della vasca di un appartamento di Brussel
nel bacino del giorno, ignara dei vaticini delle prostitute
nel vicolo di sotto;
di profezie ne raccogli come polvere
dall’alto dei tuoi anni puri e chiari, profezie a miliardi,
in ogni bancarella di pazzo meticcio,
saggezza nelle bottigliette take away e amore puro che non giudica
in ogni saluto distratto

E i biglietti del tram ti cadono dalle mani
Umano! Testa luminosa e chiara come cerchio di genio medievale,
dama democratica, dono di questa natura senza radici,
senza buio di foresta e cantore chino nel nido
“Pay attention”, “don’t cross the yellow line”, stia ben attaccato con la mano
alla maniglia dell’autobus
o cadrà su questo pavimento stellato di chewin gum.

L’angelo di New York è venuto a bussare alla mia porta bianca di vernice
mi ha rimesso a sedere in alto sul lampione del vicolo di Tremlo
mi ha riportato a mescere alba e stagno nel centro buio della mia incompetenza.

Nella materia fonda che scalda e scende giù, nella materia che cola come rame
stanno i miei figli non ancora nati,
e piangenti mi temono come Ade nella scialuppa,
come le parche con le forbici e i demoni di rubino.

commenti
  1. almerighi scrive:

    mettiamo un po’ di saper scrivere, condiamolo con qualche esterofilia per terminarlo alla buona vecchia Ade, qui funziona abbastanza, ma sono operazioni da non ripetersi con frequenza

  2. dylanstranger scrive:

    era più un esperimento

  3. sericamente scrive:

    C’è un’immaginario forte e vivo, che nel suo disperdersi si ritrova sempre connesso, grazie a scelte stlitistiche che trovo non casuali, ed un coinvolgimento affascinante. Se dovessi fare una critica partirei proprio da quanto detto, la sensazione che ho avuto è quella non tanto di perdere presa, quanto di averne troppa, un’essenza della poesia troppo esplicitata o, al suo contrario, personale, sia per te che l’hai scritta, sia per chi legge, come se la sospensione tipica della poesia fosse debole

  4. intarsiodiversi scrive:

    trovo divertenti queste tue mosse dylan. sono curiosa di sapere perché pubblichi in un blog dove non ti piacciono i testi scritti dagli altri, e quale piacere provi nel farlo. ovviamente al livello personale tutti hanno delle preferenze o meno, ma da come le esprimi sembra che tu non ne abbia nessuna.

    p.s: questa mia richiesta è solo un esperimento, ovviamente.

  5. O scrive:

    per un lavoro che sto preparando mi sono trovato nella necessità di occuparmi di improvvisazione…sono partito da uno studio dell’improvvisazione bacchiana…improvvisazione non fa rima con ispirazione.

  6. morfea scrive:

    O* io il limite lo superai da mò.
    ma comunque per fortuna non ho mai detto che scrivo ma scribacchio.
    hai stoffa dylan cerca di non consumarla

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...