le cose, strane…

Pubblicato: 19 maggio 2012 da dylanstranger in Uncategorized
le cose, strane, sole, stanno nella stanza
non fluttuano, restano, vibrano severe
nello spazio della camera.  Io muovo la mia mano
e guardo in su la finestra, e le cose gialle
sono grigie se vedo le foglie verdi del mio albero.
Aspetto che Henrik arrivi poiché allora le Cose
diventano sottili e prudono
e se lo guardo è grande e luminoso come un
santo in una cartolina in chiesa.
Se suonano la campana è ora di andare a mangiare.
In cinque attorno a una tavola creiamo una brutta immagine
di sale, figure di stagno e nessuno a sistemarci-
diciamo grazie in melodia e il bambino urla
e ci lascia la corona.
Basta, mi dico con queste cose,
“sei dentro” mi dici

“uscirai piu’ tardi.

commenti
  1. llmezzanottell scrive:

    Al di là delle palle, pardon cose, verdi rosse, no scusa grigie, e gialle – vecchia canzoncina che cantavo da bambina quando mi chiedevano di fare qualcosa contro la mia volontà…sì cantavo: palle, palle, verdi rosse e gialle …na, na,na…” poteva avere più enfasi e potenza se avessi specificato meglio quelle ” cose”. Che cose ? Dire “cose” è come richiamare l’enigma della Gioconda : mistero ed allo stesso tempo beato nulla.

  2. morfea scrive:

    certi effetti forse coprono troppo la realtà, comunque ben scritta

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...