Magnitudo

Pubblicato: 20 aprile 2012 da federicagaletto in Uncategorized
Tag:,

commenti
  1. llmezzanottell scrive:

    Questa la conoscevo..e sai quanto mi era piaciuta. Tanto da averla condivisa su fb.

  2. darbedat scrive:

    gioco in casa…scusa ma non so dove guardare.

  3. missnightingale scrive:

    mi scuso se ho postato due cose una in fila all’altra, il video l’ho postato principalmente per averne una opinione spassionata. Musica, testo e immagini hanno spesso sollevato commenti riferiti ad una possibile incongruenza fra stile e sensibilità, qui mischiati secondo un mio particolare sentire.
    Darbedat@ non capisco che vuoi dire

    • darbedat scrive:

      Quando si mettono insieme più mezzi ci si trova di solito di fronte a un dilemma: cosa voglio dire. E ciò per il fatto che ogni mezzo dice la sua indipendentemente da cio che vogliamo dire, e secondo cio che vogliamo dire. Ora, tu affronti contemporaneamente la musica, la parola, l’immagine e la poesia (la tua). Le prime tre sono prese in prestito e quindi ci si chiede: stanno lavorando per te o tu stai lavorando per loro o tutti insieme state facendo un terza cosa?. È questo il mio –non sapere dove guardare-.
      Manca una idea che lavori per dare a ogni materia un suo posto e un ruolo. In alcuni momenti le parole(quelle dalla conzone) e la poesia ramificano a tal punto da imprigionare confondendo. Musicalmente, non ti aiutano. la musica è ridotta a ritmica anche quando è la chitarra a imporsi e alla fine del passaggio la canzona ruba(letteralmente) l’attenzione per fare omaggio all’autore. – dadies and gentleman…(pausa) perche se scivolare si deve/sul gambo robusto di sforzo/appoggiarsi senza traumi…(in sovrapposizione) mister Martin Lee Gore
      Insomma sembra il carrello dei contorni più che un menu
      La tecnologia aiuta…ma anche la tecnologia per essere usata con efficacia necessita di idee strutturate.

      queste le parole che giocano con le tue ..e non sono musica( … )

      Le parole amano la violenza
      [Le parole] Rompono il silenzio
      [Le parole] Irrompono distruggendo
      Nel mio piccolo mondo
      È doloroso per me
      Penetrano dritte dentro di me
      Non capisci
      Piccola ragazza mia?

      Tutto ciò che ho sempre voluto
      Tutto ciò di cui ho sempre avuto bisogno
      È qui tra le mie braccia
      Le parole sono del tutto superflue
      Possono solo far male

      I voti sono pronunciati
      Per essere infranti
      I sentimenti sono intensi
      Le parole sono futili
      I piaceri rimangono
      Così come il dolore
      Le parole non hanno significato
      E si dimenticano [facilmente]

      Tutto ciò che ho sempre voluto
      Tutto ciò di cui ho sempre avuto bisogno
      È qui tra le mie braccia
      Le parole sono del tutto superflue
      Possono solo far male

      Goditi il silenzio

  4. intarsiodiversi scrive:

    più che controverso, trovo che siano delle sovrapposizioni poetiche tra immagini, musica e testo, personalmente mi piace l’idea di “aggiungere” per poi frammentare singolarmente le sensazioni ricevute.

    • darbedat scrive:

      …anche a me piace -aggiungere-
      Una ricetta é fatta di ingredienti aggiunti. ma sarà il modo di unirli e di lavorarli che alla fine mostrerà un risultato. un oggetto complesso come un video, é ottenuto con molte -aggiunte- e il movimento é un ingrediente non da poco: movimento di immagini/movimento di suoni/ movimento di senso. da questo punto di vista é interessante che la poesia sia proposta nel ‘silenzio’…goditi il silenzio….ma questa idea non passa

  5. missnightingale scrive:

    Direi che:
    la musica, la parola, l’immagine, lavorano per me facendo una terza cosa e cioè fare da sfondo alternativo al mio testo poetico ( se con il testo poetico voglio comunicare alcune cose, con tutti gli altri elementi intendo dire che, contemporaneamente, esiste anche altro e non solo ciò che i versi vogliono trasmettere). Si tratta di descrivere la vita come in realtà si presenta a noi ogni giorno, con confusioni, alti e bassi, contraddizioni, contrapposizioni, dissonanze, alternanze, negazioni e affermazioni. E’ come se il verso volesse sfidare la realtà (molteplice) filtrata dalle nostre mutevoli percezioni. L’idea in origine era questa : ) Uscire fuori con la coscienza, fuori dal reale e dal suo percorso, osservandolo con distacco.

    • darbedat scrive:

      queste non sono idee: sono intenzioni, messaggi…sono obiettivi della comunicazione. qui manca l’idea che agendo come dispositivo rende oggetto l’intenzione, l’obiettivo

  6. missnightingale scrive:

    non volevo passasse l’idea di godersi la poesia nel silenzio, anzi, tutto il contrario. Qui, tutto è il contrario di tutto e gli accostamenti stridenti dovrebbero servire ad evidenziare ogni singolo elemento (musica, testo poetico, immagine e testo del brano musicale) e, in qualche modo, fonderli o perlomeno allacciarli l’un l’altro in ramificazioni estetiche e percettive.

  7. missnightingale scrive:

    poi, tecnicamente sono una schiappa, me ne rendo conto, ma questo è uno dei modi con cui riesco ad ampliare la creatività e ad espanderla oltre. sensazioni, messaggi, percezioni sono le mie guide.

  8. darbedat scrive:

    “in qualche modo, fonderli o perlomeno allacciarli l’un l’altro in ramificazioni estetiche e percettive.” …e questo che non c’é. non c’é l’idea che lo renda concreto . si capisce che lo vuoi fare ma il risultato é solo addizione di cose … cio che si percepisce é che tu hai aggiunto il tuo testo ma non hai fatto un video … un lavoro rispettabile ma avrebbe potuto farlo chiunque…

  9. missnightingale scrive:

    ah ecco, capito ; ))

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...