Tenderness of Wolves

Pubblicato: 25 gennaio 2012 da morfea in Uncategorized
Tag:, , ,

Questi piedi tolti dai fossi
raccontano al cielo
lo strato poroso di un dolore
[che ripete la nenia
sui denti –
come frangiflutti di saliva]
rendimi la fame su di un pezzo di pane
imbevuto di rabbia – inchiostri
[sulla dubbiosa natura – frugale]
il confine – intercede
lungo la nuda notte [ferrosa]
e ti disperdi come uno scarafaggio
in preda al freddo
[meritiamo lo zoccolo duro
sulla schiena – sguarnita
dalla bellezza ]

sono l’auspicabile alla fine della bocca
ricordalo in queste tarde mattine di gennaio.

commenti
  1. llmezzanottell scrive:

    Mia cara gothic-baby, hai ragione tu, tutto ruota attorno alla passione e alla flagellazione, una flagellazione così profonda, che non si sa più dove e in che modo ci investe. Ne ho piene le vertebre della schiena, molari ed incisivi…e non aggiungo altro. Poi arriva la disintegrazione ed è un delitto pensare che a sopravvivere siano sempre e solo gli scarafaggi.

  2. la gothic-girl scrive bene ed è potente quando si legge. Credo che il verso iniziale si riferisca a qualcosa in particolare che sento vicino, ti stimo e ormai sono veramente pochi i poeti che ancora leggo con piacere.

    • llmezzanottell scrive:

      Sì ha potenza, se non altro perchè è molto umana la nota di lasciarsi attraversare dalle sensazioni. Anch’io lo faccio, ma non lo scrivo. Preferisco l’austerità totale. Non lascio facilmente le chiavi di casa mia a qualcuno.

  3. morfea scrive:

    grazie…per aver saputo prendere ciò che dalle parole io faccio uscire.
    che sia di sangue, miele o aria

  4. darbedat scrive:

    I poeti sono come i guerriglieri: tradiscono
    Merda….si è merda se ciò che facciamo non siamo in grado di consumarla noi stessi; se non si riesce a inghiottire sentendone il sapore…non basta dare la chiavi a qualcuno, il poeta deve lasciare la porta aperta….quindi perché costringerci a rovistare fra i rifiuti per riuscire a mettere insieme anima e corpo…mi interessa la deflagrazione e mi interessa deflagrare se le parole, quelle parole, sono della soluzione il progetto.
    Riprovaci, lasciando a casa la spesa e non la tavola imbandita.
    Per raccontare è necessario dimenticare il reale:…avete sentito il terremoto? Avete inflitto ai vostri amici l’ultima barzelletta? La mia presenza esprime l’esserci stato e non che sono qui, qui ci siete voi…é così che la poesia istiga al tradimento.

  5. darbedat scrive:

    La perversione balla come Salome, vergine e pura nel mostrarsi . l’aspra arsura turba la pelle fino a renderla inaccessibile e non ha bisogno della bellezza . Pervade, è non saper spettare, esprimere potere assoluto: tu sei quel che io non sarò mai, vergine

  6. sericamente scrive:

    bella poesia, quasi un misticismo gotico riferendomi a commenti precedenti, sento come un vento trasversale, un energia nascosta che muta il dolore. I trattini direi che ci stanno bene, vedo che usi spesso la parola bocca, come fosse il centro del mondo, un quarto occhio affamato. O una porta tra i mondi
    Alessandro

  7. margotcroce scrive:

    a me invece non mi prenda questa Anto… non riesco a seguire i versi nei suoi passaggi
    salvo le ultime due righe della chiusa che da sole fanno poesia🙂

  8. morfea scrive:

    alessandro: questa porta che trovo e cerco.

    margot: ti ringrazio per la tua opinione…:)

  9. qui ci sarebbe – a mio avviso – il coraggio di rinunciare a qualche parentesi. perché è davvero bella.
    poi, e ci tengo s sottolinearlo, lo dico coi miei occhi, gli unici che ho in dotazione – e mi rendo conto del mio limite a non averne altri.
    un abbraccio!!!

  10. morfea scrive:

    grazie francesca, davvero*

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...