Il pescatore di suoni

Pubblicato: 7 novembre 2011 da The Cats Will Know in scrivere

 

Dove il ghiaccio era oscuro

e la notte più chiara d'un giorno d'eclissi

il pescatore di suoni sedette all'orlo

della scogliera viola

dondolando sensibili dita

 

un fantasma stordito di donna

rimescolava parole

nella scatola trasparente

intrecciava germogli di bucaneve

 

e splendeva in silenzio l'eclisse


 

commenti
  1. almerighi scrive:

    è la bellezza della suggestione nella forte presenza del silenzio

  2. fil0diseta scrive:

    Bentrovata Marina. E' una gioia rileggerti tra oscuri e trasparenze, tra il viola e i bucaneve. E la luce che diventa silenzio.

  3. chiccama scrive:

    non credo di averti mai letta , quindi sei 2nuova " per me e non conosco le tue "parole", ma quellultimo verso è magistrale!
    e lascia aperta l'interpretzione!
    bella sì
    chicca

  4. llMezZanottEll scrive:

    Felicissima di rivederti tra queste pagine. Come ho già avuto modo di dirti, la tua scrittura la sento a me vicina, per quel suo saper sconfinare in scenari inediti  immaginifici. Avendo scorso il tuo blog ed avendo letto altri tuoi pezzi, mi è sembrato appunto di scorgere una certa concezione e propensione ad ideare e parlare di moldi altri e oltre, un pò come anche per me dovrebbe essere. Questo tuo pezzo in particolare, ha davvero l'aria di una fiaba, ed i colori sono bellissimi. A rileggerti presto, e con vero piacere.

  5. marcomiconi scrive:

    Si è vero ha il sapore di una fiaba,ma sembra mancare la stessa tensione. Non so, è ,dal mio punto di vista,come se le immagini avessero pura valenza morfologica e non simbolica.

  6. aboutyou scrive:

    ringrazio tutti e ciascuno per la vostra bella accoglienza, conoscevo già questo sito e lo apprezzo per lo scambio poetico ricco e variegato, purtroppo riuscivo ad essere poco presente, e tuttora ho diversi motivi per non poter leggere e commentare come vorrei.
    Non mi sembra giusto postare e poi non dare altri segni di partecipazione…ma mi sono lasciata tentare da un nuovo invito!
    Come avete osservato, amo i colori e il silenzio, e lascio libertà di interpretare a chi lo desidera; Marco ha trovato poca tensione nel mio testo, certamente è più "leggero" di altri miei, e comunque non c'è nulla di più soggettivo che non l'interpretazione di una poesia, tanto più se di una dilettante come me…io rivendico a me stessa e a chiunque la libertà di scrivere nelle sue tonalità preferite, rifletterò sul tuo intervento, Marco!
    marina

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...